Introduzione al Playtesting

Il buon Ruger ci ha fatto un breve video introduttivo al playtesting.
Vi forniamo anche un paio di documenti di riferimento sull’argomento!

Blomberg_et_al_1997-Ethnographic_Field_Methods

1997-Houde-Hill-What_do_Prototypes_Prototype

 

 

Perché playtestare

Nessun gioco nasce già pronto. Il playtest serve a controllare se l’esperienza che il gioco porta ai giocatori rientra nelle intenzioni del designer…

La differenza tra un playtest e un playstorming

Un playtest può essere effettuato in varie fasi dello sviluppo di un gioco, ma quando viene usato per esplorare meccaniche e dinamiche senza una struttura predefinita e in modo emergente è più corretto chiamare questo processo playstorming, dall’unione di play e brainstorming. Il playstorming ha come scopo il selezionare ed esplorare gli elementi con cui creare il sistema di gioco.

Anatomia di un prototipo

Per fare un playtest serve un prototipo, ovvero una versione modello del gioco. La realizzazione del prototipo è un aspetto importante del playtest, poiché in base al prototipo è possibile indirizzare il playtest stesso. Nello specifico, ci sono tre direzioni possibili: la funzionalità degli elementi, il look & feel, e l’implementazione tecnica.

  • La funzionalità degli elementi è la direzione che concerne le regole e come le entità del gioco interagiscono tra di loro.
    • Come i giocatori interagiscono tra di loro?
    • Quando si tirano i dadi?
  • Il look & feel è l’aspetto estetico e fisico degli elementi usati.
    • Colori e simboli
    • Semiotica del gioco
    • Materialità e feeling tattile
  • L’implementazione tecnica riguarda la possibilità di realizzazione di alcuni aspetti tecnici.
    • Miniature customizzate
    • Produzione di oggetti o elementi di gioco
    • Companion app

Un altro aspetto del prototipo da valutare è il fatto di essere orizzontale o verticale. Un prototipo orizzontale contiene tutta la struttura di gioco nella sua interezza ma in versione semplificata e poco dettagliata: serve ad analizzare l’esperienza in tutto il suo arco. Un prototipo verticale contiene solo un pezzo dell’esperienza ludica, a volte anche solo una scena o un momento, ma con tutti i dettagli del caso: il suo scopo è analizzare l’esperienza nel dettaglio prendendo un unico momento come campione.

Metodologie di valutazione

Avere persone che giocano un prototipo non è sufficiente per un playtest di successo: il designer deve necessariamente avere delle metodologie di valutazione. Ne esistono molte per scopi diversi: è utile sapere la differenza tra un playtest qualitativo o quantitativo. Avendo tempo e risorse limitati, non possiamo permetterci un’analisi approfondita di centinaia di playtest e siamo di fronte ad un bivio: meglio puntare sul qualitativo con pochi test a cui dedicare parecchio tempo e molte risorse oppure sul quantitativo e fare numerosi test a cui dedicare relativamente poco tempo per ciascuno? Intervistare oralmente i partecipanti con domande ad-hoc può essere un buon metodo qualitativo, mentre un google form da far compilare a tutti i partecipanti è un’ottima soluzione per un playtest quantitativo. Considerate anche la possibilità di osservare in prima persona la sessione, o registrarla per poterla analizzare in seguito. Non dimenticate che è possibile organizzare anche un blind playtest: date regolamento e prototipo senza spiegarli ad un gruppo che non conosce il gioco e fatevi fare un report della giocata (o una registrazione). Ricordatevi che i vostri giocatori dovranno giocare senza la vostra persona al tavolo: il designer non può essere messo nella scatola o nel manuale una volta che il gioco è stato pubblicato. Cercate di fare in modo che il vostro gioco sia comprensibile e funzioni senza che siate voi a doverlo spiegare di persona.

Design iterativo

Dopo aver fatto i vostri playtest e aver ricevuto ed analizzato i feedback non vi resta che una cosa da fare: design iterativo. Riprogettate le parti di design che hanno scricchiolato, limate il limabile, preparate un nuovo prototipo e siete pronti per ripetere il ciclo!